Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.




Il Comune rifiuta il dialogo: dice NO alla concessione del Teatro per un'assemblea pubblica

Pubblicato il giorno 27 Maggio 2015 alle ore 15:16:25

Prendiamo atto con rammarico della lettera del Sindaco Isabella Cebrelli di non concedere l’uso del Teatro Comunale per un incontro pubblico di presentazione del progetto ai cittadini.

Avremmo voluto parlare direttamente alle persone, spiegare le nostre ragioni, ci è stato impedito.

L’amministrazione pubblica che dovrebbe essere garante della libera circolazione delle idee, ancora una volta rifiuta il confronto. E’ certamente più facile evocare scenari apocalittici, disinformare, piuttosto che affrontare nel merito i temi aperti.

Da parte nostra continueremo a fare informazione corretta, trasparente, nel merito. Disposti ad aprire un dialogo con tutti voi. Finora non abbiamo ricevuto nessuna critica all’impianto basata su dati oggettivi.

Coloro che sostengono il contrario accettino il confronto pubblico. Noi ci siamo

Cliccando qui è possibile consultare la richiesta inoltrata al Sindaco

Cliccando qui è possibile leggere la risposta

Tag: questa pagina non contiene tag.


I vostri commenti

Mancino il giorno 27/05/2015 alle ore 21:14:27 ha scritto:

Credo di essere uno uno dei pochi interessati a sapere quello che avete intenzione di dire in un dibattito pubblico con contraddittorio visto il diniego del Sindaco di Retorbido e i vari commenti sui social, vi suggerisco di spostare l'incontro a Voghera, visto che la sala di Retorbido è stata considerata non adeguata, sperando per voi che qualcuno vi apra la porta.

dott. elena beltrami il giorno 28/05/2015 alle ore 03:45:23 ha scritto:

È vero che ci saranno due camini alti 40 e 30 metri a distanza ravvicinata dall'areoporto? È vero che questo tipo di impianto di pirolisi esiste solo in giappone in una acciaieria? È vero che non verrá bonificata la ex valdata ma costruito accanto-intorno un nuovo impianto? (e percio mi chiedo perchè di fianco a una zona di alto valore turistico con la sua green way, monte chiappo, via del sale e dei vini, borghi protetti dalle belle arti, nonchè centri abitati con scuole parchi pubblici fiumi ecc ecc?? E non in zone gia industrializzate e lontane da un contesto naturale paesaggistico e culturale elevato??), è vero che sará attivo 7 giorni su 7 24 ore su 24? È vero che quindi le nostre strade di campagna saranno stipate di camion carichi di gomme da bruciare con ulteriore degrado della viabilitá? È vero come dicono fior di microbiologi molecolari e medici che esistono nanoparticelle che nessuno dei vostri filtri all'avanguardia potra impedirci di repirare? È vero che avete un capitale sociale ridicolo di 100 mila euro e millantate di investirne 60 milioni? È vero che non siete disposti a firmare che verrete voi e i vostri figli a vivere accanto al vostro innocuo impuanto e a respirarne i fumi come noi e i nostri figli? Aspetto il dialogo, di sapere se solo a una di queste domande risponderete è vero. Non siamo ingenui campagnoli, non siamo stupidi, non siamo buoni. Distinti saluti dott. Beltrami

Mancino il giorno 29/05/2015 alle ore 17:17:45 ha scritto:

Visto che sono una delle persone interessate a conoscere ciò che avete da dire, vi consiglio di organizzare l'incontro a Voghera, sperando per voi che non facciano trovare la porta chiusa pure lì.

Admin il giorno 29/05/2015 alle ore 21:29:16 ha scritto:

Buongiorno dott. Beltrami, qui di seguito le risposte ai suoi quesiti. I camini sono alti 30 e 25 metri. L’impianto è comunque ubicato a una distanza minima (calcolata in via prudenziale) superiore a 350 m dal limite della struttura aeroportuale. Secondo le indicazioni normative sono consentiti manufatti di elevazione pari a circa 50 metri dalla quota della pista e pertanto di altezza superiore a quelli previsti per l’impianto. Rispetto alla tecnologia, l’impianto riproduce la tecnica sviluppata e realizzata da Nippol Steel & Sumikin Eneneering Co., testata da oltre 10 anni in quell’impianto per il recupero di Pneumatici Fuori Uso. L’area occupata dall’attuale impianto ricopre 80mila metri quadrati: sebbene il nuovo impianto non necessiti dell’intera superficie, il piano prevede di acquistare l’intero lotto, per provvedere alla bonifica di tutta l’area dall’amianto presente grazie al lavoro di ditte specializzate, senza occupare in alcun modo altra porzione di suolo. Per quanto riguarda il traffico giornaliero parliamo di circa 10-15 camion per un totale di 20-30 transiti, tra andata e ritorno, a fronte dei 60 camion dell’attuale impianto Laterlite. Il capitale sociale attuale è di 110.000 euro ed è interamente versato. Se il progetto riceverà tutte le autorizzazioni necessarie e sarà possibile iniziare i lavori, il capitale sociale seguirà di pari passo il valore degli investimenti così come è prassi. Italiana Energetica Tire ha sempre considerato come assoluta priorità la salute e sicurezza delle persone e la protezione dell’ambiente. È per questo che abbiamo coinvolto molti tra i migliori esperti esistenti in questo campo, perché siano garantite le migliori tecnologie a tutela delle persone e dell’ambiente circostante. Le emissioni stimate al massimo della capacità dell’impianto sono nettamente inferiori rispetto a quelle dello stabilimento produttivo Laterlite calcolato in fase di reale attività e rientrano chiaramente entro i limiti di legge.

Admin il giorno 29/05/2015 alle ore 21:32:30 ha scritto:

Buongiorno Mancino, ti ringraziamo per il tuo riscontro e per il suggerimento. Confermiamo la nostra disponibilità a essere presente ad ogni occasione in cui sia possibile parlare e confrontarsi. Siamo assolutamente aperti a un percorso di partecipazione, condivisione per eventualmente migliorare l’impianto secondo le esigenze che dovessero emergere dall’ascolto del territorio.

Paola il giorno 01/06/2015 alle ore 19:57:55 ha scritto:

Allora, visto che siete così duri di comprendonio, rendiamola più semplice. Davanti a noi c'è una bilancia: su un piatto ci siete voi tre con il vostro bel faccino da ragazzini perbene, le vostre parole vuote e insensate, i vostri soldi e i vostri interessi. Sull'altro piatto ci sono I NOSTRI FIGLI. Secondo voi da che parte pende la bilancia?

Ing. Bertoldo il giorno 03/06/2015 alle ore 12:47:32 ha scritto:

Buongiorno, cito una vostra frase al commento della Dottoressa: "a fronte dei 60 camion dell’attuale impianto Laterlite" Vi ricordo che l'impianto della laterlite è chiuso da anni, non sta più INQUINANDO e non stanno vi PIU' transitando CAMION. Siate più precisi nelle vostre dichiarazioni. Grazie Bertoldo

Admin il giorno 05/06/2015 alle ore 19:15:15 ha scritto:

Buongiorno Paola, condividiamo la sua preoccupazione. Teniamo però a ribadire che l’impianto risponde a tutti i requisiti di legge.

Admin il giorno 05/06/2015 alle ore 19:17:18 ha scritto:

Buongiorno Ing. Bertoldo, la ringraziamo per la precisazione. La stima del traffico generato dal nuovo impianto è stata fatta in comparazione con quello generato dal preesistente impianto della Laterlite, quando in funzione, per dare una misura concreta e precisa del piano di contenimento dei transiti, studiato per limitare il più possibile l’impatto sulla viabilità locale. Ricordiamo inoltre che l’AIA rinnovata di Laterlite prevede i volumi di traffico che abbiamo indicato nella risposta alla dottoressa Beltrami.

lilli il giorno 14/06/2015 alle ore 18:57:06 ha scritto:

in sostanza, avremo una NUOVA VALDATA ed altre emissioni NON GRADIRE ALL'ORGANISMO DEI COMUNI MORTALI abbiamo lottato fino a ieri, dobbiamo ricominciare, i filtri c'erano ma chissà perchè qualche volta/ spesso erano spenti oppure guasti.. chi volete prendere in giro se poi volete risparmiare nell'impianto di scarico dei fumi?

admin il giorno 19/06/2015 alle ore 12:15:48 ha scritto:

Buongiorno Lilli, la progettazione dell’impianto risponde a tutti i requisiti di legge. Come riportato nella sezione “Faq” di questo blog, alle domande 12, 14 e 15 – relative nello specifico ai camini e alle emissioni che ne fuoriescono – è previsto un sistema di monitoraggio continuo delle emissioni per i seguenti parametri: portata; temperatura; velocità in uscita; concentrazione degli inquinanti PTS, NOx, SO2, CO, HCl, HF, VOC.


Aggiungi commento

Legenda Privacy